Amici di Maria De Filippi, vince Marco Carta (via alle polemiche)

marco%20carta%20vinto.jpg

Tantissimi di voi ieri sera hanno seguito la finale di Amici di Maria De Filippi sul blog Reality e Show, che ha commentato la puntata in diretta. Oggi è il giorno dei commenti e delle riflessioni su un programma che ha diviso gli animi, creando il partito di coloro che lo amano senza se e senza ma e di quelli che invece lo criticano perchè "quella non è una scuola ma un gioco al massacro".

Critiche a parte, ieri c'è stata la finalissima: ha vinto Marco Carta. Bene, come possiamo ririvere nel migliore dei modi la finale di ieri sera? Bè, affidandoci ad un primo commento pubblicato questa mattina da Reality e Show.

Ne pubblichiamo la prima parte, rimandando al blog Reality e Show per tutte le altre riflessioni e le sorprese che proseguiranno fino a sabato. 

Per quanto riguarda tutti voi lettori immaginiamo che serpeggino tra voi i malumori tipici di tutti i "dopo finale". Bè, siete liberi di dirci come la pensate. 

di Fabio Traversa
 
E' Marco Carta il vincitore della settima edizione di Amici di Maria De Filippi (voto: 8). Nella finale (clicca qui per la prima parte della diretta, per la seconda e per la terza) è entrato in gioco dalla seconda sfida contro Pasqualino Maione prima di vedersela con Roberta  Bonanno ma è sempre rimasto in testa nel televoto, grazie a performance straordinarie, superiori alla media e apprezzate dai giornalisti e dai discografici. Ma sono stati bravi davvero tutti, regalandoci grandi momenti di spettacolo e forti emozioni.
 
A Francesco Mariottini va il premio della Stampa (50.000 euro il valore della borsa di studio), a Roberta la promessa di un futuro discografico da Rudy Zerbi, presidente della Sony.

Marco Carta, 22 anni, è cagliaritano e si aggiudica 300.000 euro e uno stage per un anno a New York. "L'ideale sarebbe essere apprezzato da tutti ma non è possibile", aveva detto a Chi. "Ho perso i genitori che non avevo 10 anni, ma non sono un ragazzo da libro Cuore. Credo che arriverò secondo ma, se dovessi vincere, vorrei che fosse per i miei meriti e non per il passato.

E' stato duro, lo ammetto, ma i miei nonni mi hanno cresciuto con tanto amore e per questo li ringrazio. Sono andato a vivere da solo a 14 anni non per contestare la famiglia ma per seguire il mio spirito libero, lo stesso per cui, nonostante le critiche, continuo a credere che ce la farò". 

[continua a leggere

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO