Paola Ferrari contro Twitter: la telegiornalista vuole denunciare chi la insulta

Scritto da: -

La conduttrice della Domenica Sportiva e Stadio Europa è stanca degli insulti. E denuncia il social network sul quale sono ospitati

paola ferrrari.jpg

Non essendo un grande frequentatore dello sport televisivo non conoscevo Paola Ferrari.

In questo mesetto di Europei mi è capitato di vedere il suo viso prima e dopo le partite e in quei momenti, quando mi trovavo con amici e conoscenti, partiva immediatamente una carica di aspri commenti a lei diretti, dallo spettro piuttosto ampio: la sua immobilità sulla poltrona di conduttrice di programmi sportivi, le conseguenti illazioni sul possibile rifacimento chirurgico-plastico, le sue capacità di conduzione (sempre giudicate scarse e di poco appeal, sopratutto per la voce stridula) e in generale l’incongruenza in un mondo che non le apparterrebbe.

A quanto pare anche su Twitter i commenti (moltiplicati per svariate migliaia, ovviamente) erano dello stesso tenore. La telegiornalista quindi ha annunciato di voler denunciare il social network, o meglio i suoi utenti anonimi, che si nascondono dietro un profilo fittizio:

Ho deciso di uscire allo scoperto su questo argomento per due motivi: uno, il fatto che nel terzo millennio, dove siamo entrati con tanta gioia e con i social network che hanno aperto una nuova frontiera, è importante sottolineare la tolleranza e il rispetto, perché questi sono i valori che dobbiamo portare avanti insieme alla globalizzazione“.

Si mischiano diverse questioni interessanti, che però andrebbero separate le une dalle altre: il diritto di critica, lo status legislativo dell’insulto anonimo “virtuale”, la diffamazione, i pregiudizi, il maschilismo strisciante:

Insultare nascondendosi è sbagliato. Sono state settimane di commenti maligni e cattivi sempre diretti alla figura della donna: l’insulto perpetrato sempre nei confronti della donna, sempre dal punto di vista fisico, perché una non risponde a certi canoni. Su questo io non abbasso la testa, trovo che non sia giusto. La donna deve essere libera di essere come vuole, questo è il femminismo di oggi“.

Al momento la maggior parte degli utenti sta replicando alla Ferrari sottolineando l’inutilità della denuncia di un social network: è chiaro, per chi volesse un attimo pensarci su, che la donna vuole semplicemente porre l’attenzione sulla questione, indicando l’impossibilità di rivalsa “reale” su chi la insulta.

La sto valutando per fare luce su un buco legislativo secondo me importante. Negli Stati Uniti si è aperto un interessante dibattito a proposito dell’equivalenza tra un tweet e una frase urlata dalla finestra. Se io grido dalla finestra insultando qualcuno, vengo giustamente denunciata. Allo stesso modo Twitter deve avere una regolamentazione. È giusto scendere in campo, prendere posizione e aprire una discussione. Parliamone in modo aperto, mettendoci la faccia“.

Personalmente credo che la strategia migliore prevederebbe l’apertura di un account twitter per far conoscere le proprie ragioni al mondo cinguettante. Ma forse il dialogo è sopravvalutato, almeno in questo momento…

Paola Ferrari paparazzata in barca: è completamente nuda Paola Ferrari paparazzata in barca: è completamente nuda Paola Ferrari paparazzata in barca: è completamente nuda Paola Ferrari paparazzata in barca: è completamente nuda Paola Ferrari paparazzata in barca: è completamente nuda Paola Ferrari paparazzata in barca: è completamente nuda

LINK UTILI

Paola Ferrari querela Twitter: “Il web non può essere solo diffamazione anonima” 

Paola Ferrari pronta a querelare Twitter 

Paola Ferrari nuda e in bikini

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Paola Ferrari contro Twitter: la telegiornalista vuole denunciare chi la insulta

    Posted by:

    gli insulti non vanno bene ma bisogna dire che non mi piace il tuo modo di conduttrice togli sempre la parila sovrapponi i tuoi commenti non fai parlare mai questo è antipatico Scritto il Date —